Miele di Manuka, un nuovo studio dice…

E’ dello scorso luglio un articolo pubblicato da “Indian Journal of Experimental Biology” dove un gruppo di biologi ha riscontrato che il Metilgliossale contenuto nel miele di Manuka, in sinergia con la Piperacillina (un antibiotico del gruppo delle penicilline), agisce con successo contro la Pseudomonas Aeruginosa, un batterio resistentissimo agli antibiotici che provoca nell’uomo infezioni polmonari, cutanee, infezioni delle vie urinarie, dell’orecchio  e dell’occhio.

Per approfondimenti ecco il link di Wikipedia.

Tornando alla ricerca dei biologi Indiani, essi  hanno fatto numerosi test isolati con vari tipi di antibiotici in sinergia con il Metilgliossale preso dal miele di Manuka ed hanno notato che l’MGO raddoppia l’azione antimicrobica delle penicilline.

Qui sotto l’estratto del loro articolo:

Il Metilgliossale è un costituente naturale del miele di Manuka prodotto dai fiori di Manuka della Nuova Zelanda. E’ conoscuito per possedere attività sia anticancerogene che antibatteriche.

Tali osservazioni richiedono di investigare l’abilità del Metilgliossale come un potente medicinale contro la resistenza multi-medicinale della Pseudomonas aeruginosa.

Un totale di 12 ceppi isolati di test da vari ospedali di P. aeruginosa sono stati testati per la loro resistenza contro molti antibiotici, la maggior parte dei quali usati nei trattamenti di infezioni da P. aeruginosa. I risultati hanno rivelato che i ceppi erano resistenti a molte medicine ad alte concentrazioni, solo piperacillina, carbeniciccina, amikacina e ciprofloxacina hanno mostrato resistenze comparativamente a basse concentrazioni.

Seguendo esperimenti multipli, è stato osservato che anche il metilgliossale era antimicrobico contro tutti i ceppi a livelli paragonabili. Un distinto e statisticamente significante sinergismo è stato osservato tra il metilgiossale e la piperacillina tramite il test di diffusione su disco paragonato ai loro effetti individuali.

L’indice di concentrazione inibente frazionale di questa combinazione valutata mediante l’analisi  a scacchiera, era di 0,5, che ha confermato sinergismo tra i due elementi. La sinergia è stata anche osservata quando il metilgliossale è stato combinato con carbenicillina e amikacina.

Anche da questo studio di evince che il Metilgliossale e comunque il miele di Manuka possono veramente dare molto in termini di ricerca medica non solo contro piccole patologie oramai conoscuite ma anche contro malattie più importanti.

 

Articoli correlati

68
Commenti:

4 comments on “Miele di Manuka, un nuovo studio dice…”

  1. raffaele Rispondi

    Carissimi Deborah e Mauro, vi ringrazio dell’apporto che date riguardo le conoscenze sui prodotti veramente validi, e che al vs. rientro dalle vacanze, voglio acquistare il miele di Manuka di cui avevo sentito parlare già l’anno scorso in positivo, quando ero in Australia. Grazie, e buon proseguimento

  2. Lai Annalisa Rispondi

    Salve, sono la mamma di un bambino di 8 anni con gravi problemi neurologici e affetto da un anno da pseudomonas. Vorrei provare a trattarlo con il miele di Manuka ma non so quale prodotto sia meglio utilizzare MGO 100 o 200 TM? potreste aiutarmi? grazie Annalisa
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *