Miele di Manuka ed eczema

Curare un eczema con il Miele di Manuka

manuka

Dopo la testimonianza di una persona che ha risolto il suo problema di ulcera allo stomaco con il miele di Manuka, eccone un’altra che parla di eczema, con il commento aggiuntivo di un medico.

“Ho sempre sofferto di eczema dacchè ho memoria. A volte migliorava durante l’anno, ma in sostanza non spariva mai.

A vent’anni decisi di vedere un dermatologo e col passare del tempo sembrava migliorare.

Tuttavia, l’uso di creme con steroidi aveva sfortunatamente l’effetto di assottigliare la mia pelle.

Ho speso centinaia di dollari in metodi alternativi, compreso una crema per la pelle molto costosa ma niente funzionava. Sembrava che invece stavo rendendo la mia pelle ancora più sensibile anche mi detergevo con i prodotti più delicati.

Dato che questa condizione era prevalentemente sul viso, la mia fiducia era seriamente minata. Non potevo truccarmi ed avevo sempre la carnagione così rossa con larghe chiazze secche. Le persone spesso commentavano e mi sentivo sempre peggio.

Ho sempre avuto la passione per i rimedi naturali, anche se ne ho provati alcuni senza risultato.

Quando scoprii il miele di Manuka, lo usavo in modo tradizionale – per tagli e graffi, tosse e febbre, un cucchiaino al giorno per la salute in generale. Una sera pensai di spalmarmelo in faccia. Non mi ricordo neanche il perché, ma immaginavo non potesse farmi alcun danno. Era la prima cosa che mi mettevo in faccia che non mi provocava alcun bruciore.

Stavo usando il miele di Manuka MGO 400+ e lo lasciai in posa per 10 minuti. Quando lo risciacquai, fui affascinata da come fu facile il risciacquo, si scioglieva letteralmente. La mia pelle era così soffice, ance se dopo la prima applicazione era ancora rossa e secca. Ho continuato ad applicare il miele di Manuka MGO 400+ a sere alternate per circa due settimane ed il miglioramento in questo periodo fu incredibile.

La mia vita è talmente differente ora dopo un anno di uso di miele di Manuka. Lo uso ancora 2 – 3 volte ogni settimana, ora posso truccarmi ed il rossore è sparito. Molte persone commentavano il miglioramento ed anche la mia fiducia è stata risanata.”

Commenti della Dott.ssa Lynne Chepulis:

I commenti della Dott.ssa Lynne Chepulis sono che questo è un “fantastico risultato ottenuto con un prodotto totalmente naturale facile da applicare”. Altri studi hanno riportato che il miele può aiutare nel trattamento di acne ed eczema facciale, ma l’evidenza indica che il miele di Manuka MGO offre di gran lunga il miglior risultato.

“L’eczema è una condizione infiammatoria della pelle, spesso dovuta dalla super attività in risposta all’allergia. Il miele di Manuka MGO™ può aiutare nel trattamento di questa condizione, non solo finendo un’azione diretta anti-infiammatoria per la pelle, ma regolando la risposta immunitaria infiammatoria.”

Ecco, per finire, un bellissimo video di un apicoltore che racconta la sua trentennale esperienza con il Manuka. Questo video ha recentemente vinto il premio “Stevie Awards” nella categoria Sales video.

Articoli correlati

Commenti:

7 comments on “Miele di Manuka ed eczema”

  1. nora Rispondi

    vorrei sapere, per cortesia, se per il miele di manuka da voi prodotto è prevista la sigla UMF del AMHA.
    Grazie
    Nora

    • Mauro Recchia Rispondi

      Ciao Nora.

      Il miele non è certamente prodotto da noi ma dalla Manuka Health New Zealand.

      C’è corrispondenza fra la sigla UMF e la sigla MGO:

      UMF10+ = MGO100
      UMF20+ = MGO400
      UMF25+ = MGO550

      la differenza sostanziale è che la sigla MGO è stata introdotta dopo che si è finalmente scoperto a Dresda il componente antibatterico del miele di Manuka, che è appunto il Methylglyoxal (MGO) in quantità altissime. E la cosa importante è il metodo di misurazione del parametro UMF rispetto all’MGO.

      Il metodo di analisi MGO è scientifico, mentre UMF è una comparazione con un comune disinfettante.

      Il margine di errore nella misura UMF è maggiore del 25% mentre quello MGO è minore del 2%.

      La ripetibilità della misura UMF non è ripetibile, mentre quella MGO è alta.

      Per questo il miele di Manuka MGO è l’unico ad avere un sistema di certificazione basato sull’attendibilità scientifica, al contrario del marchio UMF.

      Se fa una ricerca nel blog troverà anche un video dove il prof. Thomas Henle parla della scoperta dell’MGO nei suoi laboratori.

  2. nora Rispondi

    vorrei sapere, per cortesia, se per il miele di manuka da voi prodotto è prevista la sigla UMF del AMHA.
    Grazie
    Nora

    • Mauro Recchia Rispondi

      Ciao Nora.

      Il miele non è certamente prodotto da noi ma dalla Manuka Health New Zealand.

      C’è corrispondenza fra la sigla UMF e la sigla MGO:

      UMF10+ = MGO100
      UMF20+ = MGO400
      UMF25+ = MGO550

      la differenza sostanziale è che la sigla MGO è stata introdotta dopo che si è finalmente scoperto a Dresda il componente antibatterico del miele di Manuka, che è appunto il Methylglyoxal (MGO) in quantità altissime. E la cosa importante è il metodo di misurazione del parametro UMF rispetto all’MGO.

      Il metodo di analisi MGO è scientifico, mentre UMF è una comparazione con un comune disinfettante.

      Il margine di errore nella misura UMF è maggiore del 25% mentre quello MGO è minore del 2%.

      La ripetibilità della misura UMF non è ripetibile, mentre quella MGO è alta.

      Per questo il miele di Manuka MGO è l’unico ad avere un sistema di certificazione basato sull’attendibilità scientifica, al contrario del marchio UMF.

      Se fa una ricerca nel blog troverà anche un video dove il prof. Thomas Henle parla della scoperta dell’MGO nei suoi laboratori.

  3. stefania Rispondi

    volevo sapere se il miele di manuka,e efficace anche su macchie scure dell’viso grazie..

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *