La melatonina per l’insonnia

melatonina

Alcuni studi recenti hanno evidenziato che i disturbi del sonno interessano fino al 30% della popolazione al di sopra dei 40 anni di età e ne sono affette in particolare il 57% delle donne contro il 43% dei maschi.

Il disturbo più significativo è l’insonnia, che non è la mancanza di sonno, ma la difficoltà di addormentarsi o il risveglio precoce. Disturbo che conosce bene chi viaggia in aereo spesso ed è affetto al classico jet lag.

Quali possono essere le cause dell’insonnia?

Insonnia fisiologica con soggetti che spontaneamente ed abitualmente dormono poco senza mostrare di risentirne:

  • menopausa: consiste in un ritardo dell’addormentamento ed in risvegli più o meno numerosi e prolungati legati alla variazione dei tassi ematici ormonali ed alle problematiche psicologiche specifiche di questo periodo della vita
  • anziani: il sonno è più leggero con periodi REM più brevi e risvegli più frequenti, in relazione al rallentamento fisiologico delle onde cerebrali ed alla riduzione degli interessi e delle attività.

INSONNIA DA FATTORI FUNZIONALI – sfasamento dei ritmi circadiani (lavoratori turnisti, cambio di fuso orario, abitudine ad andare a letto o troppo presto o troppo tardi) – situazioni psicologicamente stressanti.

INSONNIA DA CAUSE MEDICHE – alcune malattie e relative cure

INSONNIA DA ANSIA E/O DEPRESSIONE INSONNIA DA FATTORI TOSSICI – caffeina, alcool,ecc.

La Melatonina in funzione della peculiare azione di regolazione biologica del ritmo circadiano veglia-sonno favorisce l’addormentamento.

È opportuno sottolineare che la Melatonina ha sicuramente relazioni con il sonno ma sono relazioni indirette. E’ utile al sonno perché, migliorando i ritmi biologici personali, fa sì che ci si addormenti più facilmente: la Melatonina rimette esclusivamente in moto un sistema che risulta essere alterato nei suoi ritmi. L’effetto non può essere pertanto rapido ma richiede i necessari tempi di adattamento personale al fine di raggiungere un ottimale riequilibrio fisiologico.

I benefici della Melatonina ci devono essere accompagnati da piante di comprovata efficacia nell’ induzione del sonno nel rispetto della fisiologia, sia a livello di intensità sia di durata, quali:

La Valeriana che è un eccellente rimedio per l’insonnia da ansia ed agente equilibrante per l’ipereccitabilità e l’esaurimento. Migliora la qualità del sonno senza provocare conseguenze spiacevoli al risveglio. Risulta utile in particolare nelle difficoltà di addormentamento e nei crampi gastrointestinali di origine nervosa.

La Passiflora che favorisce un sonno fisiologico ed un risveglio rapido e completo senza conseguenze su attenzione e vigilanza. E’ particolarmente indicata nell’insonnia da ansia generalizzata associata ad angoscia e nell’insonnia da eccitazione cerebrale causata da lavoro intellettuale intenso e da relativo stress.

L’Escolzia che agisce a livello del sistema nervoso centrale favorendo il sonno. Il risveglio è spontaneo senza sensazioni di stordimento. E’ particolarmente indicata per l’attività antispastica contro gli spasmi viscerali durante il sonno e contro i risvegli frequenti dovuti a crampi da ipercinesie (sindrome delle gambe senza riposo).

Tutti questi ingredienti, oggi si trovano in un nuovo prodotto, Melatonina Phytodream disponibile sia in capsule che orosolubile, sul nostro Shop.

Buon riposo a tutti !!!

 

Articoli correlati

Commenti:

2 comments on “La melatonina per l’insonnia”

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *